blog icona studio dentistico palladino barlettaAlcune delle tematiche più frequenti e i casi particolari vengono classificati
in questa sezione dove il Dott. Antonio Palladino cercherà di spiegare al pubblico
quali sono i rimedi principali adottati in ciascuna patologia

news icona studio dentistico palladino barletta

Tutte le novità e le notizie dallo studio Dentistico Palladino

Cure odontoiatriche durante l'allattamento

cure odontoiatriche durante allattamento

È spesso noto che le mamme, specialmente alla prima esperienza materna, non abbiano ben chiara l’idea di quali cure odontoiatriche possano ricevere durante il periodo post partum, in particolare durante il periodo dell’allattamento.

Il primo pensiero di una mamma che riceverà cure odontoiatriche durante l’allattamento è subito rivolta al suo piccolo, ovvero se le anestesie e gli altri farmaci somministrati durate una seduta odontoiatrica possano influire sulla qualità e sulla genuinità del latte materno.
  
È bene subito chiarire che durante l'allattamento si possono eseguire tutte le cure dentistiche necessarie; alcuni erroneamente credono che le donne che allattano non debbano recarsi dal dentista. Questo, invece, è assolutamente sbagliato pertanto abbiamo provveduto a rispondere ad alcuni quesiti frequenti che ci vengono sottoposti e a creare una sorta di FAQ (frequently asked question) per ridurre al minimo il panico disseminato dalla cattiva informazione basata sulle dicerie e sulle credenze popolari.

Durante l’allattamento è possibile sottoporsi ad anestesia locale, ci sono dei rischi per il bambino?

 Durante l’allattamento è possibile usare l’anestesia per le terapie dentarie. I dati scientifici ci confermano che le microscopiche quantità di farmaci anestetici che, attraverso il latte, raggiungono il bambino non comportano alcun rischio di salute per il piccolo. L’anestesia durante l’allattamento è innocua perché la sua concentrazione nell’organismo si riduce notevolmente, pertanto la quantità di anestetico presente nel latte materno è così piccola da esser trascurabile per il bambino. L’anestetico potrebbe alterare il sapore del latte materno e il bambino potrebbe, così, rifiutarsi di fare la poppata al seno. Per ovviare a questo problema, la precauzione più semplice è evitare di allattare nelle 4 ore successive all’anestesia oppure, prima dell’intervento, utilizzare il tiralatte per prelevare una quantità di latte sufficiente al piccolo per coprire il fabbisogno del neonato. Quindi estrazioni e devitalizzazioni non saranno un problema durante questa fase.

Si possono assumere farmaci durante l’allattamento, quali sono?

 Si, la mamma può assumere farmaci. La prescrizione di antibiotici non comporta alcun rischio al bambino, purché siano di una classe compatibile con l’allattamento. Il dentista deve prescrivere farmaci sicuri, rappresentati da amoxicillina e dal paracetamolo ed evitare quelli potenzialmente dannosi per il bambino (le tetracicline) in quanto escreti nel latte materno. Un’ulteriore precauzione consiste nell’evitare l’allattamento nelle prime quattro ore successive all’assunzione di farmaci perché in questa fase è più elevato il livello plasmatico del farmaco.

Si possono fare le radiografie endoscopiche durante l’allattamento?

Sì, le radiografie non rappresentano nessun pericolo durante l’allattamento, le ghiandole mammarie non sono un tessuto sensibile ai raggi X.

È superfluo sottolineare, ma lo facciamo molto volentieri, lo Studio Dentistico Palladino è sempre a vostra disposizione qualora vogliate fugare ogni tipo di dubbio.

Evitate di accontentarvi del consiglio della vicina o del rimedio della nonna e affidatevi a noi professionisti, capaci di rendere la vostra esperienza di mamma un’esperienza gioiosa.

Richiesta visita

Area Riservata

Il Dottore risponde

Antonio Palladino chiedi all esperto per problematiche dentali

Il medico risponde alle vostre domande ma non dimenticate di effettuare una visita di controllo

 Chiedi al dottore

Salva

Iscrizione Newsletter