Viene effettuato in studio dall’odontoiatra, mediante l’utilizzo di un gel ad azione sbiancante; si tratta solitamente di perossido di idrogeno o perossido di carbonide a concentrazioni del 35-40%. Queste concentrazioni sono molto più elevate rispetto a quelle utilizzate nello sbiancamento domiciliare, e per questo consentono di ottenere sicuramente risultati molto più efficaci immediati e duraturi. Tuttavia, queste concentrazioni di perossido elevate, lo rendono potenzialmente pericoloso se non eseguito da mani esperte, in quanto queste sostanze liberano ossigeno attivo, che penetrando nel dente, è in grado di dissolvere i pigmenti, cosi da provocarne il cambiamento di colore. Lo sbiancamento professionale viene eseguito applicando il gel sbiancante sulle superfici dentali, dopo aver protetto le gengive con un gel detto diga liquida. Solitamente il gel viene applicato solo sulle superfici vestibolari e solo dagli incisivi ai premolari, escludendo così dalla procedura i denti posteriori. Il gel viene poi attivato da una apposita lampada per 10-12 minuti. La procedura viene poi ripetuta per una seconda volta durante la stessa seduta. A distanza di circa 7-15 giorni l’intera procedura può essere ripetuta nuovamente fino a quando non si è ottenuta la colorazione gradita.

Richiesta visita